PROIBIRE IL PROIBIZIONISMO

Pubblicato il 12 Luglio 2005 in Argomenti vari  e taggato ,

PROIBIRE IL PROIBIZIONISMO

Negli ultimi tempi alcuni mezzi d?informazione di massa hanno riportato alla ribalta del dibattito politico-istituzionale il dramma della droga. Probabilmente si intende avallare quella proposta legislativa che reca il nome dell?onorevole Fini, il cui intento dichiarato è colpevolizzare i tossicomani, giudicati alla stessa stregua degli spacciatori, annullando cioè la ?liceità? del consumo personale finora tollerato.

Come argomentano i fautori della proposta di legge, la gravità dell?attuale situazione sarebbe determinata dal ?permissivismo? contenuto nel concetto di ?modica quantità?, un?idea ispirata e alimentata dall?affermazione, soprattutto negli anni ?60 e ?70, della ?cultura della droga?, intimamente sposata alle cosiddette ?culture alternative? o ?controculture?. In effetti, questo è il ragionamento, rozzo e semplicistico, che fonda lo spirito della legge Fini.

Invece, è un dato incontestabile che la causa dei crimini abitualmente perpetrati nelle aree urbane più degradate, ad esempio i reati commessi dai giovani tossicomani, sia proprio nell?esatto contrario del permissivismo, ossia in quel regime proibizionista che di fatto regola e decide la questione. Un regime che la legge Fini renderebbe ancora più crudo, criminalizzando non solo le abitudini di milioni di consumatori di droghe leggere, ma penalizzando anche altri comportamenti, fino a negare e calpestare alcuni diritti sanciti dalla Costituzione.

Le misure draconiane previste dalla suddetta legge (non ancora in vigore) mirano a reprimere il diritto a ?farsi?, ma non ne eliminano le cause reali, nella misura in cui le ragioni dell?alienazione giovanile nelle droghe sono di natura esistenziale, psicologica, culturale, non giuridica. Inoltre, quelle norme punitive investirebbero solo i piccoli spacciatori, ossia gli stessi abituali consumatori di sostanze narcotiche.

Tale disegno politico cela una perversa volontà di esasperare il fenomeno della violenza urbana, specialmente di quella minorile. L?esperienza storica ha dimostrato che l?imbarbarimento di una già ferrea disciplina repressiva non fa altro che scatenare l?effetto contrario, generando fenomeni di recrudescenza e l?aumento del disordine, della rabbia, della disperazione.

Tale proposta di legge costituisce un ulteriore segnale che attesta l?involuzione in senso reazionario di una notevole parte della classe dirigente italiana, a cui non corrisponde un pari fenomeno regressivo nella società civile, che in tal modo si discosta sempre più dagli ambienti, dagli umori e dai poteri istituzionali del Palazzo.

Lucio Garofalo

Riferimenti: il paese di e. la greca



One Response

  1. hai veramente ragione… queste misure sempre piu restrittive non fanno altro che aumentare la criminalita… per questo ribadisco il mio consiglio… legalizzare