A’ Vampa e Sant’Antuono

Pubblicato il 15 Gennaio 2009 in Argomenti vari


 

A’ Vampa e Sant’Antuono

Sabato 17 gennaio 2009 ore 19,30

area antistante il Centro sociale di via G. Vestuti

 

Accensione del tradizionale falò

Musiche e danze popolari con i Tamurriarè

Degustazione di aperitivi e cioccolata calda al Net Cafè

 

Salerno Solidale Spa propone un originale appuntamento alla città: "a Vampa ‘e Sant’Antuono"

sabato prossimo 17 gennaio a partire dalle ore 19,30 nello spazio antistante l’ingresso principale del Centro Sociale di via Guido Vestuti.

 

L’accensione del Falò nel giorno di Sant’Antonio Abate, protettore degli animali, è un’antica tradizione popolare salernitana che Salerno Solidale nella persona del Presidente avv. Salvatore Memoli ha deciso di  recuperare e di valorizzare, trasformando la ricorrenza e le usanze ad essa connesse in un vero e proprio evento culturale che sembra trovare proprio nel Centro sociale di via Vestuti la propria location ideale.

 

"Abbiamo lavorato sodo per trasformare il Centro sociale in un contenitore funzionale e dignitoso – dichiara il presidente Memoli – l’apertura del piano seminterrato, la realizzazione ex novo degli uffici aziendali, l’inaugurazione del centro diurno polifunzionale per anziani "Francesco Petraglia", il restiling del piano superiore, l’apertura del Net Cafè e della rinnovata Sala Musica rendono oggi il Centro sociale un luogo polifunzionale,  appetibile per  qualsiasi tipologia di evento e di manifestazione culturale.

"A Vampa ‘e Sant’Antuono" - continua l’avv. Memoli – rappresenta proprio uno di quei contenuti ideali per uno spazio che si candida a diventare luogo di sintesi tra passato e presente,  tra cultura e folclore, tra storia e tradizione, ma anche tra sacro e profano".

"Il rito dell’accensione del falò  - spiega il presidente – sarà accompagnato dal suono dei tamburi del gruppo folcloristico dei Tamurriarè, le cui musiche e danze popolari faranno da cornice all’evento, mentre al Net Cafè – Social Space sarà possibile degustare un aperitivo o una dolcissima cioccolata calda per riscaldare l’atmosfera di queste fredde serate di gennaio".

"La celebrazione dell’evento – conclude l’avv. Memoli – è un’iniziativa originale che punta a rafforzare il senso di comunità proprio attorno al calore del fuoco e alla spiritualità che esso ispira".

E in sintonia con la tradizione popolare legata alla festa,  il presidente invita tutti i salernitani, le associazioni, i comitati di quartiere a raccogliersi attorno alla "Vampa di Sant’Antuono", proprio come si praticava nell’antica tradizione contadina, per gettare idealmente in questo falò, ai piedi del Santo, ogni pensiero negativo, per allontanare disgrazie e malefici, per purificare gli animi e per illuminare il cammino di ciascuno di noi".



I commenti sono chiusi