Il punto intorno alla riforma Gelmini di Francesco Specchio

Pubblicato il 21 Gennaio 2010 in Società

 

 Il punto intorno alla riforma Gelmini di Francesco Specchio

La scure della "riforma Gelmini" intende tagliare 131.900 teste nel prossimo  triennio, tra bidelli, docenti e personale di segreteria, secondo il programma
fissato dal Ministero dell’Economia a giugno dello scorso anno (DL 112/08). Già
allora, quando non c’era alcun segnale di crisi economica, si era deciso di
destinare "la torta" di 8 miliardi di euro sottratti alla scuola ad altri
scopi: offrire un’Alitalia senza debiti ai soci CAI, comprare nuovi
cacciabombardieri, o per finanziare un ambizioso ponte che non vedrà mai la
luce. Scuole elementari, "medie" e superiori sono state chiamate ad offrire il
proprio terzo di "torta",suddivisa in parti pressoché uguali. È chiaro che il
governo intende raggiungere l’obiettivo di fare cassa a spese dell’istruzione
pubblica lontano dai riflettori, o fingendo di perseguire altro. A questo
scopo, in particolare la "Riforma delle superiori", prevede una realizzazione
in tre tempi: un oggi, un domani (in vigore dal settembre 2009) e un dopodomani
(dal 2010). Proviamo ad analizzare i tre tempi.

1. OGGI. Si approva e si rende
operativo con effetti immediati la parte di manovra che si vuole pubblicamente
visibile: una operazione di facciata che si può definire "per una scuola
seria", ottima dal punto propagandistico perché, posta in questi termini, non
può che essere unanimemente condivisibile, malgrado sia a costo zero. Si
afferma con grande enfasi che si vuole premiare il merito, anche se dietro la
facciata non c’è assolutamente nulla, perché non si vede quali leggi e quali
articoli ne parlano, ossia come, dove e il merito di chi. Un obiettivo tanto
più paradossale se si pensa che tanto più alte sono le invocazioni al merito
quanto minori sono i meriti di chi invoca…

Si afferma ancora che si intende
promuovere una scuola più severa e in questo caso si dà sostanza all’
affermazione approvando, ad esempio, le nuove norme sull’ammissione all’Esame
di Stato del prossimo 25 giugno. Ad inizio anno vigevano le norme stabilite dal
precedente ministro (DM 42 del 22/5/2007), poi, il 13 marzo, il Consiglio dei
ministri stabilisce che, per l’ammissione, è necessario almeno il 6 in condotta
ed in tutte le materie, in ultimo, l’8 aprile, il ministro ci ripensa ed emette
la circolare n.40: è ammesso all’esame di Stato chi ottiene la media del 6!
L’ ansia di apparire efficienti e inflessibili, cambiando continuamente le norme
ad anno scolastico in corso, aumenta forse la popolarità dei "giustizieri", ma
genera grande confusione non solo tra studenti e docenti, ma anche tra gli
stessi dirigenti, costretti a recepire circolari ogni giorno diverse.

La tanto  propagandata campagna per la bocciatura con il 5 in condotta è, da questo punto
di vista, ancora più "esemplare". Viene sbandierata con grande clamore, viene
approvata con la legge 169 del 30/10/2008 e se ne specificano i contenuti con
il DM 5 del 16/1/2009. Qui si spiega che il 5 in condotta "deve scaturire [...]
esclusivamente in presenza di comportamenti di particolare gravità [...] che
comportino l’allontanamento temporaneo dello studente dalla scuola per periodi
superiori a 15 giorni". Lo schema di regolamento approvato il 13/03/2009, però,
stabilisce che il 5 in condotta si applica anche nei casi di mancanze ai
seguenti doveri: "…frequentare regolarmente i corsi e assolvere assiduamente
agli impegni di studio …avere nei confronti del personale tutto della scuola e
dei compagni lo stesso rispetto, anche formale, che si chiede per se stessi
…utilizzare correttamente le strutture, i macchinari e i sussidi didattici e
non arrecare danni al patrimonio della scuola…" insomma la casistica diventa
vastissima e, di pari passo, diventa enorme il potere discrezionale dei
docenti. Non a caso la norma ha trovato buoni difensori all’interno delle
scuole, tra quei docenti che hanno visto negli ultimi anni venir meno la
propria autorevolezza. Molti sembrano trascurare che l’inasprimento degli
strumenti repressivi non è di per sé garanzia nell’ottenimento di una maggiore
"disciplina".

Una norma cambiata ad anno in corso, inoltre, offrirà il fianco
ai ricorsi dei genitori che riterranno i propri figli ingiustamente
danneggiati, con ottime possibilità di successo, se potranno permettersi le
spese legali. A questo si aggiunga pure che modelli scolastici come quello
anglosassone, che da anni si distingue per una maggiore severità, non sembra
ottenere migliori successi in fatto di rispetto delle regole e delle persone da
parte degli studenti. I "nostri ragazzi" saranno forse meno bravi dei loro
coetanei d’oltralpe nel mettere crocette su un questionario prestampato, ma mai
ad oggi sono entrati in una scuola con un fucile, sono significativamente meno
inclini al suicidio e raramente aggrediscono i loro docenti con pugni o armi.
Se realmente si vuole un maggior rispetto, inoltre, meglio farebbero i docenti
a pretenderlo dai mezzi di informazione e dagli stessi ministri, perché le
dicerie sui professori ignoranti e scansafatiche sono state negli ultimi anni
artatamente calato dall’alto, erodendone "il prestigio".
Sull’oggi vale la pena
di aggiungere che molte scuole sono in forte "sofferenza economica" perché
costrette ad anticipare le somme per il pagamento dell’ordinaria
amministrazione, delle visite fiscali rese obbligatorie anche per un solo
giorno d’assenza e delle supplenze. Questi Istituti vedono crescere a dismisura
il credito vantato nei confronti di uno Stato che da mesi non eroga quanto
dovuto e hanno dovuto rinunciare a corsi di recupero per studenti in
difficoltà, risparmiare sulla carta igienica e lasciare "scoperte" le classi
con docenti in malattia.

2. DOMANI. Se ne parla poco o niente, ma le bozze di
regolamento divenute legge il 27 febbraio contengono un taglio del personale
scolastico delle "superiori" nell’ordine delle diverse migliaia già a partire
dal settembre 2009. Si tratta di quel terzo di "non docenti" (personale ATA)
che "salterà" già dal prossimo anno (circa un terzo di 15.167) al quale si
aggiungono più di 11.000 docenti. Questi saranno tagliati principalmente per
effetto di due misure: la riconduzione delle cattedre a 18 ore e l’innalzamento
del rapporto alunni/classe. La prima delle due misure equivale a far sì che
nessun docente abbia "ore a disposizione", secondo alcuni utilizzate sino ad
oggi per fare shopping o per far pascolare il chihuahua. In realtà queste ore,
molto rare e presenti solo in alcune discipline, vengono utilizzate, ad
esempio, per coprire le "assenze brevi", per l’alternativa all’insegnamento
della religione o per progetti di recupero e potenziamento. Eliminare queste
ore cancellerà uno spazio di flessibilità rivelatosi prezioso per rimodellare l’
offerta formativa sulla base di mutevoli esigenze.

L’aumento del rapporto alunni/classe, poi, promette di avere effetti ancora più gravi per il futuro delle scuole superiori. Le "norme per la riorganizzazione della rete
scolastica", in vigore dal 27/2/2009, prevedono infatti un numero minimo per la
costituzione delle classi prime pari a 27 alunni e un massimo di 30, con una
possibile oscillazione del 10%. Ciò equivale a dire che dal prossimo anno
dovranno esserci dai 25 ai 33 alunni per classe, con conseguenze immaginabili
sulla didattica, perché chiunque abbia provato ad insegnare sa che non è
possibile svolgere una lezione decente in una classe affollata. Mai come in
questo caso si rilevano i danni enormi che, per i ragazzi e la loro formazione,
può produrre una "riforma" pensata e scritta da persone che mai si sono
avvicinate ad una cattedra.

A questo si aggiunga che un’aula gremita è un’aula
potenzialmente pericolosa. Il Ministero lo sa, per cui ha promesso di emanare
un elenco delle scuole che, per carenze strutturali, potranno conservare i
parametri preesistenti. Questo elenco, però, tarda ad arrivare, perché nessuna
o quasi delle nostre scuole può garantire la sicurezza con classi di 27 o 33
alunni. Non a caso negli anni una serie di norme hanno cercato di fissare
criteri che non dovrebbero essere ignorati, per affrontare possibili incendi e
calamità naturali. In particolare il punto 5 del decreto 26/8/1992 del
Ministero dell’Interno: "Norme di prevenzione incendi per l’edilizia
scolastica", pone un limite massimo di 26 persone (25 alunni) per classe. Il D.
M. 18/12/1975 indica inoltre "gli spazi minimi vitali per garantire la
funzionalità dei locali scolastici", pari a 1,96m2 per alunno.

Non è un caso se molti moderni edifici scolastici hanno aule di 52m2, perché contengano non oltre le 26 persone. Le leggi richiamate sono ancora vigenti e ad esse si
aggiunge oggi il HYPERLINK "http://retescuole.forumscuole.it/formazione-
classi/Dlgs_81.pdf" o "DLGS 81 del 2008″ DLgs 81/08 (TU della sicurezza sul
lavoro) che definisce la scuola "luogo privilegiato per promuovere la
cultura
della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro". In questo luogo "privilegiato"
si vogliono inscatolare un numero tale di alunni che già il minimo (27) è
superiore al massimo consentito dalle norme anti-incendio. È prevedibile che,
qualora domani si verificasse una disgrazia in un’aula sovraffollata, i nostri
ministri, dimentichi del calcolo criminale fatto oggi, incolperanno l’
onnipresente fatalità o quei presidi ai quali si chiede oggi di mettere da
parte ogni residuo di dignità e di essere fedeli esecutori di ordini:
affollando aule, sperimentando riforme a scatola chiusa o denunciando
clandestini!

3. DOPODOMANI. Le classi prime che si costituiranno nel settembre
2010 dovranno fare i conti con la "revisione dell’assetto ordinamentale,
organizzativo e didattico dei Licei" e "degli Istituti tecnici". Essi hanno in
comune il notevole taglio al monte ore settimanale e costituiscono la parte
"strutturale della riforma", quella si propone di modificare scopi e contenuti
didattici dei nostri Istituti superiori. Si disegnano due canali ben distinti e
separati, con 6 indirizzi liceali sempre meno professionalizzanti (pensati per
chi dovrà iscriversi all’università) e 11 istituti tecnici più poveri di
contenuti culturali e sempre più legati al mondo delle aziende (che farà il suo
ingresso "paritetico" negli organismi decisionali). Si cancellano tutte le
sperimentazioni e tutti quegli indirizzi, come il liceo scientifico-
tecnologico, che potevano costituire "un ponte" tra i due canali.

Di pari passo si intende far viaggiare la regionalizzazione dell’Istruzione e Formazione
professionale e in tal senso appare indicativo il protocollo d’intesa firmato
da Gelmini e Formigoni il 16 marzo 2009.
Si discute in Parlamento poi la  "Proposta di legge Aprea" n. 953, che intende trasformare le nostre scuole in
fondazioni (Art.2) con partner pubblici e privati. Queste saranno strutturate
secondo un rigido modello piramidale (Art.3) con il dirigente al vertice e, più
in basso, il suo vice, il "Consiglio di amministrazione" che sostituisce quello
di Istituto (Art.5 e 6) e il Collegio dei docenti. Tra questi verrà stabilita
una gerarchia (art.17) con docenti "esperti" (quei baroni che, lungi dall’
essere cancellati dalle università, vengono proposti anche alle superiori),
docenti "ordinari" e, buoni ultimi, quelli "iniziali", sottopagati e
continuamente ricattabili, perché soggetti a controlli periodici, come la
caldaia.

Tutti gli importanti e articolati programmi per il "dopodomani"
meriterebbero però uno specifico approfondimento, perché non si limitano a
perseguire l’obiettivo del risparmio di cassa, ma intendono evidentemente
modificare volto e sostanza delle nostre scuole superiori. È quantomeno anomalo
che tali svolte "epocali" vangano concepite in segreto e maturino in assenza di
un dialogo con le parti direttamente coinvolte, quelli che in classe entrano
ogni giorno: gli studenti e i loro docenti.
Studenti, genitori e lavoratori  della scuola, il governo e le finte opposizioni ci costringono oggi ad una
scelta: difendere il futuro della scuola statale o stare alla finestra in
attesa che la smantellino!

 

 

Francesco Specchio



I commenti sono chiusi