La politica, le forme e i saperi: Partitocrazia e forma partito

Pubblicato il 15 Dicembre 2010 in Società

Formazione all’Impegno Sociale e Politico – Corso di Formazione all’impegno sociale e politico.
Venerdì, 17 dicembre, alle ore 17.00 presso l’aula multimediale della BBC di Fisciano, sita in Corso san Giovanni frazione Lancusi, quarta lezione: Eugenio Capozzi (Università degli Studi di Napoli)
La politica, le forme e i saperi: Partitocrazia e forma partito
Eugenio Capozzi è professore associato confermato di storia contemporanea presso la facoltà di lettere dell’Università degli Studi di Napoli “Suor Orsola Benincasa”.
Dal 2000 è membro del collegio dei docenti della Scuola Dottorale in Storia dell’età contemporanea dei secoli XIX e XX – F. Chabod, con sede presso l’Università degli Studi “Alma Mater Studiorum” di Bologna.
Dal 2000 fa parte della segreteria scientifica del CRIE (Centro di Ricerca sulle Istituzioni Europee) con sede presso l’Università degli studi “Suor Orsola Benincasa”.
Dal 2005 è segretario scientifico del dottorato di ricerca in Storia e società dell’età moderna e contemporanea, indirizzo di Storia e relazioni internazionali, e successivamente di quello in Storia delle relazioni internazionali, dell’Istituto Italiano di Scienze Umane (SUM).
Fa parte del comitato scientifico della rivista “Ventunesimo Secolo – Rivista di studi sulle transizioni”, pubblicata dalla casa editrice Rubbettino.
Fa parte del comitato di direzione della collana editoriale “L’Isola di Prospero” presso la casa editrice Guida.
Ha pubblicato i seguenti volumi:
“Costituzione, elezione, aristocrazia. La repubblica ‘naturale’ di James Harrington” (Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane, 1996);
“L’alternativa atlantica. I modelli costituzionali anglosassoni nella cultura politica italiana del secondo dopoguerra” (Soveria Mannelli, Rubbettino, 2003);
“Il sogno di una costituzione. Giuseppe Maranini e l’Italia del Novecento” (Bologna, Il Mulino, 2008; premio Capalbio per la sezione di storia delle istituzioni, 2009; finalista premio Piemonte Storia 2009);
“Partitocrazia. Il ‘regime’ italiano e i suoi critici (Napoli, Guida, 2009).
Ha inoltre curato i seguenti volumi:
H. Bolingbroke, “Sul governo” (Napoli, Alfredo Guida Editore, 1997);
Lord Acton, “Storia della libertà” (Roma, Ideazione, 1999);
C. Antoni, “L’avanguardia della libertà” (Napoli, Alfredo Guida Editore, 2000);
AA.VV., “Le costituzioni anglosassoni e l’Europa. Riflessi e dibattito tra ’800 e ’900″, Soveria Mannelli, Rubbettino, 2002;
G. Maranini, “La costituzione degli Stati Uniti d’America” (Soveria Mannelli, Rubbettino, 2003);
V. de Caprariis, “Storia di un’alleanza. Genesi e significato del Patto Atlantico, e altri saggi” (Roma, Gangemi, 2006, con Giuseppe Buttà);
“I liberali italiani dall’antifascismo alla Repubblica. Volume II (Soveria Mannelli, Rubbettino, 2009, con Giampietro Berti e Piero Craveri).
Ha curato, insieme a Mirella Armiero, il coordinamento scientifico del volume a cura di Paolo Mieli, “1973. Napoli ai tempi del colera, Un’inchiesta degli allievi della scuola di giornalismo “Suor Orsola Benincasa” di Napoli.



I commenti sono chiusi