A Parabita, in onore alla Duchessa Lucia La Greca, opera l’omonima Compagnia Teatrale

Pubblicato il 25 Dicembre 2010 in Società

 

Stemma del Duca Ferrari e della Duchessa Lucia La Greca di Parabita

Stemma del Duca Ferrari e della Duchessa Lucia La Greca di Parabita

La Compagnia “Lucia La Greca ” è nata nel 1998, voluta da alcuni amici amanti del teatro in vernacolo, con il semplice intento di rivitalizzare il dialetto e di tentare di sensibilizzare giovani e non, alla riscoperta della nostra cultura. Con questi obiettivi alcuni amici, tra l’altro inseriti da sempre in associazioni che hanno “praticato” questa passione, hanno costituito un gruppo teatrale denominato “COMPAGNIA TEATRALE LUCIA LA GRECA ”, impegnandosi, a continuare quella tradizione teatrale che la nostra Parabita vantava, grazie all’attività svolta dalle varie Filodrammatiche prima e dalle varie Associazioni poi; tradizione alla quale i nostri concittadini erano e sono molto affezionati. Legando la Compagnia al nome della Duchessa di Parabita “Lucia La Greca ”, vissuta tra la fine del settecento e la metà dell’ottocento, si è voluto valorizzare e mettere in risalto la magnanimità d’animo e l’amore della Duchessa per tutto ciò che riguardava lo sviluppo culturale in quell’epoca nella nostra Parabita. Infatti da notizie storiche risulta che Lucia La Greca era una donna di molto spirito, sagace e interessata ai problemi che riguardavano la cultura sociale e religiosa. E ‘ ovvio che l’intento di rivitalizzare il dialetto, ci ha portato a rappresentare le scene della vita quotidiana in maniera semplice e il più delle volte molto reale. E’ opportuno evidenziare infatti che ormai in ogni parte d’Italia, ogni regione e ogni provincia cerca di rispolverare quelle tradizioni e quella cultura che mette in risalto le proprie origini .

 

Compagnia Teatrale “Lucia la Greca 1998” Parabita

La Compagnia “Lucia La Greca” nasce nel 1998, voluta da alcuni amici amanti del teatro in vernacolo, con il semplice intento di rivitalizzare il dialetto e di tentare di sensibilizzare giovani e non, alla riscoperta della nostra cultura.
Si è scelto di legare il nome della Compagnia a quello della Duchessa di Parabita “Lucia La Greca”, vissuta tra la fine del settecento e la metà dell’ottocento, duchessa per aver sposato il III Duca di Parabita, Giuseppe Maria Ferrari, detto “lo zoppo”, perché fu una donna eccezionale. Un suo contemporaneo, Giuseppe Serino, la descrive “donna di molto spirito, faconda, sagace, ospitale, religiosa, prodiga verso le chiese, madre de’ poveri…” e il notaio Giuseppe Maria Cataldi, entrando nella “sua abitazione strada detta del Castello… nella seconda camera superiore verso scirocco, dopo l’ingresso della Sala…”, la trova “seduta in una sedia, sana di corpo, buona loquela, e nelle sue piene facoltà intellettuali”.
E’ ovvio che l’intento di rivitalizzare il dialetto porta a rappresentare le scene della vita quotidiana in maniera semplice e il più delle volte molto reale.
E’ opportuno evidenziare infatti, che ormai in ogni parte d’Italia, ogni regione e ogni provincia cerca di rispolverare quelle tradizioni e quella cultura che mettono in risalto le proprie origini.
Il dialetto infatti è un valore culturale del nostro territorio e, a tal fine intendiamo valorizzare “ ‘a lingua ti nonni nosci”, che veniva appresa, non nelle scuole, ma nella quotidianità della vita e tra le mura domestiche della famiglia.
Con questi obiettivi appunto alcuni amici, tra cui Giuseppe Russo, Tonino Inguscio, Biagio Fasano, Alessandra Turlizzi, Marco Vigna e Cosimo Giaffreda, tra l’altro inseriti da sempre in associazioni che hanno “praticato” questa passione, hanno costituito l’Associazione Compagnia Teatrale “LUCIA LA GRECA 1998”, impegnandosi, a continuare quella tradizione teatrale che il nostro territorio vantava.
Dal 1998 ad oggi sono state rappresentate le seguenti opere:
- nel 1998 “STELLA E LA MEZZALUNA” di Alfredo Cataldi;
- nel 1999 “PAPA GALEAZZO… ARCIPRETE DI LUCUGNANO” di Raffaele Del Savio;
- nel 2000 la commedia “ LA NOTTE TE SAN GIUANNI” di William Fiorentino;
- nel 2001 “OH CHE FAMIGLIA” di William Fiorentino;
- nel 2002 la commedia “CCHIU’ NIURU TE CUSI’ NU PUTIA VANIRE” tratta dal film “Indovina chi viene a cena”;
- nel 2003 “A CCI TANTU…A CCI NENZI”, tratta dalla commedia “Miseria e Nobiltà” di E. Scarpetta.
- nel 2004 “AMORE…CORNE…E GELOSIA”, tratta dalla commedia “Cane e gatte” di E. Scarpetta e rivista da Pino Russo;
- Nel 2005 “TIRA CCHIUI LU PILU…” tratta dalla commedia “TRE PECORE VIZIOSE” di E. Scarpetta e rivista da Pino Russo;
- nel 2006 “LA STIBBULA” commedia di Cosimo Perrone in dialetto gallipolino.
- nel 2008 “PPE’ ‘NA QUATERNA PERSA” di P. Russo.
- NEL 2009 “LE MBROIJE SBRUIJATE” tratta dalla commedia “DUIJE CHIAPPARIELLE” di E. Scarpetta e rivista da Pino Russo.
La Compagnia Teatrale “LUCIA LA GRECA 1998” partecipa a due edizioni della rassegna teatrale “LE PAROLE DELLA MEMORIA” organizzata dal “Centro Studi Raffaele Protopapa” di Lecce:
? nel 2006 con “LA STIBBULA” di Cosimo Perrone, ottenendo il -PREMIO “CARATTERISTA FEMMINILE” -, assegnato ad Anna Franca Barone e – PREMIO PER LA “COMMEDIA INEDITA”-;
? nel 2007 con la commedia “TIRA CCHIUI LU PILU…” tratta dalla commedia “TRE PECORE VIZIOSE” di E. Scarpetta.
Partecipa a due edizioni della rassegna teatrale “KALOCERI STI KALIMERA” organizzata dal Comune di Calimera:
? Nel 2007 con la commedia “A cci tantu a cci nenzi” e vince il 1° premio.
? Nel 2008 con la commedia “Ppè ‘na quaterna persa !!!” di Pino Russo e vince il premio “miglior regia” assegnato a Pino Russo ed il premio di “miglior attrice non protagonista” assegnato ad Irene De Micheli.
Dal 1999 collabora con la Parrocchia S. Giovanni Battista di Parabita, partecipando attivamente con personaggi, per la realizzazione della Passione Vivente di N.S.G.C. interessando i suggestivi palazzi che si affacciano su Piazza Umberto I°, il Castello Angioino ed altri luoghi rupestri caratteristici del territorio comunale.
- Dal 2006 l’Associazione “Compagnia Teatrale Lucia La Greca 1998”, nel periodo estivo organizza la manifestazione teatrale “TEATRIAMO”; manifestazione patrocinata dalla Regione Puglia, dal Teatro Pubblico Pugliese, dall’Amministrazione della Provincia di Lecce, dall’Amministrazione Comunale di Parabita, e dall’Associazione Pro Loco “Giovanni Vinci – NOTAIO” di Parabita.
Tale manifestazione, che si svolge durante tutto il mese di luglio, alla quale partecipano Compagnie Teatrali provenienti da diverse località del Salento è arrivata alla quarta edizione, riscuotendo numerosi consensi.
La manifestazione, pensata per non dimenticare le nostre radici e per dare risalto al mondo del teatro dialettale salentino, è diventata in pochi anni un evento di primo piano per Parabita e per i tanti paesi vicini. La Compagnia Teatrale Lucia La Greca organizzando questa importante rassegna teatrale svolge una efficace azione culturale e una preziosa opera sociale. Il teatro dialettale è la proposizione di una forma di spettacolo
eccezionalmente vera perchè l’uso del linguaggio è un qualcosa che ci appartiene intimamente. I vari lavori dialettali mirano a divertire il pubblico, ma con l’intento di interessarlo e coinvolgerlo più profondamente. Nei testi rappresentati vi è un recupero di “personaggi”, “modi di dire”, “espressioni” che costituiscono un patrimonio culturale distintivo della nostra identità e come tale deve essere salvaguardato e trasferito alle nuove generazioni. Le tante famiglie che affollano la platea, costituita per l’occasione dalla nostra bellissima Piazza Umberto I°, ritrovano il gusto e lo spirito del vivere la comunità.
La prima edizione nel luglio 2006 parte quasi in sordina con la partecipazione di:
? La Compagnia Teatrale “IL TEATRO DI LEO BROGNA” di Corsano, che presenta due atti unici: “Mori e Bbidi” e “L’ ALDIQUA” di Leo Brogna.
? La Compagnia Teatrale “SANTA PARMETA” di Matino che presenta “Mé l’àggiu propriu… cutìre ‘ù primu giurnu ta… pensione” di Roberto Delle Castelle.
? La Compagnia Teatrale “LUCIA LA GRECA 1998” di Parabita che presenta “Tira cchiùi lu pilu…” tratta dalla commedia “TRE PECORE VIZIOSE” di E. Scarpetta e rivista da Pino Russo.
La seconda edizione, luglio 2007, si concretizza maggiormente con la partecipazione di :
? La Compagnia Teatrale “PANTA THA PADDHICARIA” di Calimera con la commedia “Lu diavulu e l’acqua santa – Le fimmene te l’arciprete -” di Raffaele Del Savio.
? La Compagnia Teatrale “LA COMPAGNIA TI LI SANTI MIETICI” di Galatone con due atti unici “La Fortuna” e “La Pentola di Lucullo” di Raffaele Protopapa.
? Il Gruppo Teatrale del Centro Sociale “S. MASSIMILIANO KOLBE” di Lequile con la commedia “E all’ottavu… creàu la socra” di William Fiorentino.
? La Compagnia Teatrale “LU SCIARABBÀ” di Morciano di Leuca con la commedia “Lu Spiritu te lu tata ‘Ngiccu” di Raffaele Protopapa.
? La “VICTORY DANCE” di Parabita con “Il Gobbo di Notre Dame – Danza e musica all’ombra della Cattedrale” di Eleonora Vinci.
? La Compagnia Teatrale “LUCIA LA GRECA 1998” di Parabita con la commedia “Cchiù niuru te cusì nu putìa vanire” a cura di Pino Russo.
? La Compagnia Teatrale “ANDROMEDA TEATRO” di Collepasso con la commedia “Fracasso Apollonio esperto di matrimonio” di Rocco Riccardi.
? La Compagnia Teatrale “SANTA PARMETA” di Matino con la commedia “Alberto Bascu… comu lu nonnu” di Roberto Delle Castelle.
La terza edizione, luglio 2008, conferma quanto fatto negli anni precedenti e vede la partecipazione di:
? La Compagnia Teatrale “LI NCUCCHIATI” di Aradeo con la commedia “E rrivau ddhru giurnu” di Salvatore Magno.
? La Compagnia Teatrale “ALITZAI” di Alliste con la commedia “Quannu Addhu nnu tteni” a cura della Compagnia.
? La Compagnia Teatrale “PANTA THA PADDHICARIA” di Calimera con la commedia “Le Corne te lu Massaru” di Raffaele Del Savio.
? La Compagnia Teatrale “ANDROMEDA TEATRO” di Collepasso con la commedia “Fracasso Apollonio esperto di matrimonio” di Rocco Riccardi.
? Il Gruppo Teatrale del Centro Sociale “S. MASSIMILIANO KOLBE” di Lequile con la commedia “Mannaggia li sordi” di William Fiorentino.
? La Compagnia Teatrale “LUCIA LA GRECA 1998” di Parabita “Ppè ‘ na quaterna persa…!” a cura di Pino Russo.
La manifestazione si chiude con la Cover band dei Nomadi “LIBERI”
La quarta edizione, luglio 2009 con un cambio di location eccezionale, infatti da Piazza Umberto I° la manifestazione si sposta all’ombra del Campanile della Basilica della Madonna della Coltura, vede la partecipazione di :
? Il MOVIMENTO GIOVANILE DOMENICANO di Parabita con la commedia “La pizzoca fazza” di Giuseppe Pacella.
? La Compagnia Teatrale “ALITZAI” di Alliste con la commedia “Iu, mammata e…tu” da “Lo Scarfalietto” di E. Scarpetta liberamente riadattata a cura della Compagnia.
? La Compagnia Teatrale “I TIRAMISÙ” di Aradeo con la commedia “Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio” di Tonia Simone.
? La COMPAGNIA DEGLI ULTIMI di Alliste con l’opera satirica “L’altra Odissea – furbi si nasce… miserabili pure” di Franco Crespino.
? La Compagnia Teatrale “ANDROMEDA TEATRO” di Collepasso con la commedia “Le pillole d’Ercole” di Charles Maurice Hennequin e Paul Bilhaud.
? La Compagnia Teatrale “LA NUOVA GENERAZIONE” di Maglie con la commedia “Nu te pacu” da “Non ti pago” di Eduardo De Filippo adattata in vernacolo leccese da Donato Stefanelli.
? La Compagnia Teatrale “PANTA THA PADDHRICARIA” di Calimera con la commedia “Pelo e contropelo e …. permanente per signora” di Raffaele Del Savio.
? La Compagnia Teatrale “LUCIA LA GRECA 1998” di Parabita con la commedia “Le mbroije sbruijate” da “Duje chiapparielle” di E. Scarpetta liberamente adattata da Pino Russo.
Tutta la manifestazione “TEATRIAMO” 2009, è stata trasmessa via internet riscuotendo eccezionali risultati di ascolto e visione in diverse regioni d’Italia (Piemonte, Lombardia, Veneto, Campania, ecc.) dove risiedono molti nostri concittadini e anche in molti stati europei e non, tipo Germania, Francia, Spagna, Russia, Canada, Svezia, Portogallo Ungheria, Irlanda, Israele, Iraq, Argentina, Belgio, Turchia e Ucraina, portando un momento di allegria e vicinanza alla propria terra.
Attualmente, in collaborazione con la Parrocchia S. Giovanni Battista, sta realizzando un laboratorio teatrale per i giovani finalizzato al perseguimento della messa in scena del musical “Aggiungi un Posto a Tavola” di Garinei e Giovannini.

Il Presidente Giuseppe Russo



I commenti sono chiusi