Archivio di Stato di Salerno, XIII Settimana della Cultura

Pubblicato il 14 Aprile 2011 in Società

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA’ CULTURALI

ARCHIVIO DI STATO DI SALERNO
XIII Settimana della Cultura

Il 16 aprile 2011 alle ore 10, 30, nel salone Bilotti dell’Archivio di Stato di Salerno, il professor Carlo Ghisalberti dell’Università degli Studi di Roma terrà una lectio magistralis dal titolo: 1861: l’Italia compie 150 anni. Argomento della lezione sono le trasformazioni politico-istituzionali legate al processo di unificazione, trasformazioni ancora estremamente attuali se, come il professor Ghisalberti ha affermato in un suo recente saggio, la nostra attuale Costituzione repubblicana, elaborata dall’Assemblea costituente, è «pienamente inserita nella linea di svolgimento e di sviluppo del costituzionalismo liberale che, nato dal Risorgimento, aveva rappresentato il fulcro ideale della vita pubblica italiana per un secolo e mezzo, dalla fine dell’antico regime in poi».

Carlo Ghisalberti, nato a Roma nel 1929, è storico di fama internazionale nel campo della storia giuridica e politica. Ha insegnato nelle Università di Messina, Trieste e La Sapienza di Roma. Dal 2005 è professore emerito presso questa Università.

Dal 1981 è direttore della rivista «Clio. Trimestrale di studi storici»
I suoi contributi allo studio della storia costituzionale italiana sono notevoli: si è occupato non solo delle codificazioni dell’Italia unita ma anche di quelle degli stati preunitari, in un discorso di lungo periodo che comprende anche le costituzioni giacobine e quelle, di breve vita, del periodo risorgimentale.

Il professor Ghisalberti è stato gia altre volte ospite gradito dell’Archivio di Stato e della città di Salerno, nell’ambito di diversi convegni tra cui “Il Principato Citeriore tra Ancient Régime e conquista francese: il mutamento di una realtà periferica del Regno di Napoli” tenutosi a Salerno nel lontano 1991.

Tra le sue opere più recenti ricordiamo “Stato nazione e costituzione nell’Italia contemporanea” (Napoli, ESI, 1999), “Da Campoformio a Osimo: la frontiera orientale tra storia e storiografia” (Napoli, ESI, 2001), “Silvio Spaventa tra Risorgimento e Stato unitario” (Napoli, 2003),
“Istituzioni e società civile nell’età del Risorgimento” (Roma-Bari, 2005).



I commenti sono chiusi